Informativa
Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante "Più informazioni"
Sei qui: HomeVisualizza articoli per tag: Vacanza mare

L’hotel, sitato ad Alcala, Tenerife,  è davvero all’altezza delle aspettative, il servizio eccellente e le camere, soprattutto se si trova posto nella zona “adult only”, garantiscono totale relax. Adult only è  una parte dell’hotel  non per famiglie, con piscina dedicata agli adulti e molto tranquilla.
La posizione è splendida, in una delle località più belle dell’isola, vicino alla spettacolare scogliera de Los Gigantes. C’è una bellissima spiaggetta di sabbia nera riservata ai clienti dell’hotel, attrezzata, a pagamento ma a prezzi assai modici.
Molto gradevoli le passeggiate sul lungomare, magnifici e molto ben tenuti i giardini tropicali.
Abbiamo preferito godere dei confort dell’Hotel, la sua attrezzatissima SpA e bella palestra: probabilmente torneremo per poter visitare meglio l’isola.

  • Melia1
  • Autore: rosalba
  • Hits: 167
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Melia2
  • Autore: rosalba
  • Hits: 168
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Melia4
  • Autore: rosalba
  • Hits: 163
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Melia5
  • Autore: rosalba
  • Hits: 174
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Melia6
  • Autore: rosalba
  • Hits: 161
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Tenerife1
  • Autore: rosalba
  • Hits: 166
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Tenerife2
  • Autore: rosalba
  • Hits: 156
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Tenerife4
  • Autore: rosalba
  • Hits: 174
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Tenerife7
  • Autore: rosalba
  • Hits: 162
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Tenerife8
  • Autore: rosalba
  • Hits: 169
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0

ISCHIA, IL MIO PERSONALE PARADISO

Tre bambini giocano sulla striscia di sabbia lasciando impronte lievi che si confondono le une con le altre. Il promontorio di Sant’Angelo ha un colore verde scuro arrossato dall’ultimo sole. Un raggio potente si riflette sulla vetrata di uno yacht e ferisce dolcemente i miei occhi. Le increspature delle onde sono disegni multiformi e in perenne mutamento e cesellano la sabbia con una musica soave.
Di fronte, limpidissima, Capri: si distinguono le case, la vegetazione, le frastagliature delle sue coste, il digradare irregolare verso destra, le gole profonde e la scogliera vertiginosa a sinistra. Sullo sfondo nuvolette bianco rosa soffici e vaporose, come le ali degli angeli delle oleografie dei libri di quando ero bambina.

Sant’Angelo è un villaggio piccolo, raccolto e luminoso, fa sognare di tempi passati, di amori da film e di storie romantiche. Nasce abbarbicato su una collina aperta sopra una scogliera a picco, cale e calette che si inseguono  e termina dolce, adagiato sul mare che lo lambisce da entrambi i lati. E’ un luogo che ha qualcosa di Grecia, qualcosa di Ischia, qualcosa di paradiso e qualcosa di me che era già qui prima che lo vedessi per la prima volta.
Lungo un canyon di tufo costellato di oleandri e fichi d’India si trovano le Terme di Cavascura, antiche di 2000 anni, scavate nella roccia dai Romani, tratte a forza da una natura prepotente e tumultuosa. Questa stessa natura fa sgorgare, in tantissimi luoghi dell’isola,  acque e fanghi ricchi di proprietà davvero sorprendenti e utilissime per tanti problemi fisici.

Le cittadine della costa sono deliziose, affollate ma non troppo, da Ischia Ponte, villaggio di pescatori sorvegliato dal maestoso Castello Aragonese, Ischia Porto con le ville, i giardini colmi di bouganville, i negozietti, i piano bar, le stradine dall’aria romanticamente demodé, Lacco Ameno con le casette bianche affacciate sulla piazza piena di pini mediterranei, la vegetazione esuberante, il Grand Hotel della Regina Isabella e i suoi ricordi di Billy Wilder.

Poi a Ischia ci sono anche gli smottamenti, gli abusi edilizi, gli inverni tristi che la rendono quasi disabitata. Forse tutto ciò che ho scritto prima è solo un’illusione ed è difficile dire da dove nasce la sottile malia che mi pervade sempre quando raggiungo quest’isola, che mi fa tornare qui ogni volta che cerco pace e oblio dai problemi.
E torno, io che non torno mai, che non voglio tornare mai per non essere delusa da ciò che ho amato e per non sottrarre tempo alla scoperta di terre nuove. Torno, per ritrovare stranamente lo stesso incanto impalpabile, la magica atmosfera di luogo senza tempo, di sottile dolce struggimento senza rimpianto.

 

  • Foto Ischia 1
  • Autore: rosalba
  • Hits: 346
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia2
  • Autore: rosalba
  • Hits: 311
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia3
  • Autore: rosalba
  • Hits: 309
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia4
  • Autore: rosalba
  • Hits: 334
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia6
  • Autore: rosalba
  • Hits: 340
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia7
  • Autore: rosalba
  • Hits: 348
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia8
  • Autore: rosalba
  • Hits: 311
  • Voto: 4.00 (1 Vota) 
  • Commenti: 0
  • Foto Ischia9
  • Autore: rosalba
  • Hits: 332
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0

SOGGIORNO A BERENICE, MAR ROSSO

L’ultimo angolo vergine del Mar Rosso.

Berenice: poetico nome per una città del 275 a.C., di cui non resta praticamente nulla, dedicata a Berenice I, la madre del fondatore. La delicata leggenda della regina che offrì la chioma agli dei in cambio della salvezza del marito partito per la guerra, qui non c’entra nulla.

La località turistica è situata sulla baia di Lahami, che si affaccia sul Mar Rosso, in una zona ancora poco sfruttata turisticamente, quasi ai confini con il Sudan. Solo pochi alberghi, tra il mare e il deserto.
Io ho alloggiato al Wadi Lahami Azur Resort, villaggio a villette tra mare e giardino, con il reef a pochi passi dalla riva, una grande spiaggia attrezzata e la spiaggetta “relax”, piccola, raccolta, tranquilla, di fronte ad un mare di un blu mai visto.
L’hotel, oltre alla sua invidiabile posizione, offre camere confortevoli, un buon ristorante, SPA, miniclub, una piscina per adulti e una per bambini, attività sportive, una simpatica tenda beduina dove fumare la shisha e bere, tra l’altro, anche il tipico thè alla menta.

A non molti chilometri di distanza c’è la spiaggia di Sharm al Melloni, che chiamano “Caraibica”. Purtroppo non ho mai visto i Caraibi ma questo posto è davvero fantastico. Il reef è visibile anche dalla spiaggia e supera ogni immaginazione, il turchese sembra dipinto, il blu oltre il reef è più profondo del cielo.
Qui decido di vincere le mie assurde paure, noleggio una muta e provo per la prima volta l’emozione dello snorkeling.  Non resisto a lungo, l’acqua è troppo fredda per me, ma in quei pochi minuti mi si svela un mondo straordinario: coralli lilla, viola, blu, arancio, pesci striati di giallo e di blu, altri azzurro argenteo a pois rossi….
Dopo il mio breve exploit passeggio a lungo sull’insenatura. Non c’è molto da raccontare: soltanto il rumore del vento sulla sabbia ed il leggerissimo sciacquio del mare, la fascia bianchissima della spiaggia costellata di gigli e arbusti verdi, un’acqua che sembra di fonte tanto è limpida e assume infinite sfumature, dall’azzurro pallidissimo all’indaco, al verde profondo.

Il giorno seguente mi sveglio quasi all’alba per l’escursione a Al Shalateen, villaggio beduino in mezzo al deserto, vicinissimo al confine con il Sudan. Sono nel mio ambiente, ma l’atmosfera è piuttosto cruda: il mercato dei cammelli è interessante ma le povere bestie fanno una gran pena, legati, spesso bastonati, alla vigilia di un destino cruento o un durissimo lavoro nella migliore delle ipotesi. Il villaggio, al di fuori del mercato, non offre davvero granchè.
E’ meglio la bellissima passeggiata lungo la baia di Lahami, presso l’hotel, costeggiando un mare in cui mi sembra abbiano versato un intero fusto di vernice turchese. E’ un susseguirsi di calette e insenature cosparse di conchiglie e pezzi di corallo, dall’altro lato una verde laguna, mangrovie, aironi, falchi egrette: davvero fantastico.

E’ una vacanza perfetta per chi è in cerca di totale relax e per gli appassionati di diving e snorkeling.

  • Berenice hotel spiaggia
  • Autore: rosalba
  • Hits: 969
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice hotel
  • Autore: rosalba
  • Hits: 529
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice mare2
  • Autore: rosalba
  • Hits: 432
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice mare3
  • Autore: rosalba
  • Hits: 443
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice mare5
  • Autore: rosalba
  • Hits: 463
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice mare6
  • Autore: rosalba
  • Hits: 454
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • El Shalateen
  • Autore: rosalba
  • Hits: 493
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0
  • Berenice mare4
  • Autore: rosalba
  • Hits: 886
  • Voto: Nessun Voto 
  • Commenti: 0

 

preventivo1

Cerca

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai tutte le novità e le offerte sui viaggi....

Racconti di viaggio dei visitatori

  • Viaggio in Russia di Enzo B.
    SPASIBO RUSSIA  ! Dopo tanti anni d’attesa finalmente io e mia moglie Rosalba dal 19 al 27 Luglio 2013 abbiamo fatto un viaggio in Russia che comprendeva San Pietroburgo, Mosca e un tour di due giorni all’Anello d’Oro (Serghijev Possad, Suzdal e Vladimir).Ci siamo affidati tramite la nostra amica Rosalba…
  • NEW YORK SPETTACOLARE, BAIA HIBE UN “QUASI PARADISO” di Giancarlo L.
    A chi mi chiede “Com’ è N.Y., è bella?”  non ho altra parola con cui rispondere, se non “spettacolare”. No, non posso dire che è bella perché i miei criteri estetici in fatto di urbanistica ed etnografia rispondono ad altri parametri. Ma spettacolare sì, perche con questo termine riesco ad…
  • Viaggio a Cuba di Carla F.
    IL ..TOUR “LA CHIAVE DEL GOLFO” E IL MARE A PLAYA PESQUERO Viaggio effettuato con la collaborazione di Rosalba   Il turista che va a Cuba, naturalmente prima di partire si documenta: la storia, le città, gli usi ed i costumi locali, ecc.. ecc, ma ciò che scopre visitando questa isola…
  • Il Viaggio in Messico di Carla F.
    DOPO MESSICO Al ritorno dal Messico i ricordi più profondi e vivi sono quelli che portiamo nella mente e nel cuore: non occorrono immagini ed oggetti per farli rivivere. Sono gli occhi luminosi dei bambini di San Cristobal, è la voce sommessa della bambina di Palenque che  ti invita, in…
  • VENTO E SOLE A FUERTEVENTURA di Marina V.
    Alloggiamo a Corralejo, nell’estrema punta settentrionale, dove la spiaggia è nera per le rocce laviche ma la sabbia bianca ed il mare verdissimo. Di fronte, spettacolari, Lanzarote e l’isolotto de los Lobos. Tanto vento, che inganna e non lascia sentire il bruciore del sole che invece ci scotta come non…

I paesi che non ci sono più

  • Introduzione
    So che la definizione non è filologicamente esatta: in realtà i paesi che troverete in questa sezione e che ho avuto il privilegio di visitare non sono stati cancellati dalla carta geografica, non hanno cambiato né nome né capitale. Ma sono stati lacerati, feriti, violentati nella loro più intima essenza,…
  • SIRIA
    SIRIA Folgorata Sulla Via di Damasco   E' circa l'1,30 del mattino e dal finestrino dell'aereo vedo le luci di Damasco bucare il deserto. L'avventura è cominciata: due donne sole in Siria con in mano null'altro che un biglietto di andata e ritorno. Per ora Damasco è solo un passaggio, noleggiamo…
  • LIBIA
    LIBIA E’ solo un salto dall’altra parte del Mediterraneo ma è un’avventura in un altro tempo e in un altro spazio. Con un paio di brevi voli e due ore di autobus siamo a Germa, cittadina che fa da porta  all’Acacus. Ospita un minuscolo dolce museo ricco di reperti delle antichissime…
  • C'ERA UNA VOLTA L'IRAQ
    C'ERA UNA VOLTA L'IRAQ IRAQ 6 luglio 1999, ore 15: Rosalba lascia Amman su una vettura 4x4 con due compagni di viaggio e un autista. Missione di lavoro, un lavoro molto diverso da quello che faccio ora e che mi doveva portare a Baghdad. Erano gli anni dell’embargo, l’unica via per arrivare a Baghdad…

Chi è on line

Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online